GRANDE NEVICATA DEL 26-27 GENNAIO 2006

Record di giorni consecutivi di neve

Ad un anno dalla storica nevicata del 3 marzo 2005, una retrogressione d’aria fredda artico-continentale ha portato nelle giornate di giovedì 26 e venerdì 27 gennaio 2006, una nuova, FORTE nevicata sul capoluogo genovese. Per il decennio 2000-2010 queste due nevicate sono state complessivamente le più importanti dell’intero periodo. Il ricordo dell’episodio nevoso del gennaio 2006 è passato un po’ in sordina rispetto all’evento dell’anno precedente, rimanendo comunque degno di nota e riuscendo addirittura a rompere alcuni record.

E’ stata infatti una delle nevicate più durature mai registrate nel capoluogo genovese, con quasi 48 ore consecutive di precipitazione solida caduti a tratti con forte intensità, a tratti debolmente. La prima giornata che ha visto protagonista l’ingresso del nocciolo d’aria gelida in quota dalla Valle del rodano, è stata caratterizzata da una diminuzione sensibile delle temperature sia in quota che al suolo. L’avvio dell’episodio di maltempo invernale sotto un rovescio di neve tonda e gragnola nelle primissime ore del mattino, poi nuovamente sprazzi di sereno, Tramontana in rinforzo e la girata definitiva della precipitazione in NEVE. Nei quartieri più freddi del CENTRO città, la temperatura scende sino a -2.5°C

Descrizione dell’evento

Dalle 09.30 il richiamo d’aria umida ai medi livelli dell’atmosfera si intensifica e con esso la nevicata con inizio di accumulo al suolo. Entro mezzogiorno la città è già totalmente imbiancata anche nel centro città. La neve è poi ritornata debole durante le ore pomeridiane, subendo una nuova intensificazione nelle ore serali e notturne. Proprio nella notte tra giovedì e venerdì, il nocciolo d’aria fredda artico-continentale nel suo sprofondamento inesorabile verso i settori sud-occidentali d’Europa, richiamava a sè masse d’aria progressivamente più calde.

La tarda nottata e la primissima mattinata di venerdì 27 trascorre tranquilla con valori termici al suolo in aumento, dalle 08.00 del mattino riprende a nevicare con grande intensità con temperatura attorno a +0°C. In questo caso i fiocchi di neve hanno dimensioni più grandi e la neve è colloidale ed umida, aderendo su ogni superficie. L’evento nevoso prosegue sino al primo pomeriggio con forti rovesci ed accumulo di manto bianco in vistosa crescita. La neve ritorna nuovamente debole nelle ore tardo pomeridiane e serali, gli ultimi fiocchi attorno le 21.30.

IL VIDEO DELLA GRANDE NEVICATA

Fotografie dell’evento.

26 gennaio 2006 (14)

26 gennaio 2006 (17)

26 gennaio 2006 (24)

26 gennaio 2006 (31)

26 gennaio 2006 (32)

27 gennaio 2006 (1) nevicata

27 gennaio 2006 (2) nevicata

27 gennaio 2006 (6)

27 gennaio 2006 (7)

27 gennaio 2006 (8)

27 gennaio 2006 (9)

27 gennaio 2006 (10)

27 gennaio 2006 (17)

27 gennaio 2006 (22)

27 gennaio 2006 (27)

27 gennaio 2006 (28)

27 gennaio 2006 (29)

27 gennaio 2006 (31)

27 gennaio 2006 (32)

Le giornate successive sono state caratterizzate dall’impeto dello Scirocco che ha portato con sè un rapido innalzamento della quota delle nevicate, sciogliendo in poche ore l’accumulo di manto nevoso non soltanto sulla città ma anche nell’entroterra e sull’Appennino sino a quote elevate.

Potrebbe anche piacerti