Supercella con tornado in mare. Sottomarina (VE)

Analisi sinottica

Una saccatura proveniente da nord ovest favorisce la genesi di temporali sul comparto orientale della pianura padana. Il richiamo di venti umidi in risalita dall’adriatico si scontra con l’aria più secca che da ovest tenta di espandersi verso il Veneto generando le condizioni adatte alla formazione di intensi temporali anche di matrice supercellulare.

Giornata di caccia

Dopo una consultazione dei principali modelli (Matteo Moro da Vicenza e Christian Tondo da rovigo) si sono dati appuntamento verso metà pomeriggio sulla diga di Sottomarina. Una volta giunti sul posto la situazione si è presentata sin da subito movimentata con un intensa struttura temporalesca che da nord ovest tende a estendersi sul mare proprio di fronte alla nostra posizione. In poco tempo il temporale ha presentato una struttura supercellulare con la formazione di una stupenda wall cloud. Dopo svariati tentativi con funnels anche molto pronunciati, il temporale riesce a formare una stupenda tromba marina mesociclonica che darà spettacolo per una decina di minuti. Una volta dissolta, la supercella prosegue il suo cammino in direzione SE seguendo la costa Veneta/Romagnola, portando dietro di se un muro d’acqua con la presenza di chicchi di grandine di medie dimensioni.

La wall cloud che si forma

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Un grande ringraziamento a Matteo Moro che ci ha fornito il materiale fotografico per poter pubblicare l’articolo.

Potrebbe anche piacerti